Che l’agguato subito da Luca Toni e dal presidente Scaligero Maurizio Setti, sia un

atto esecrabile, non vi è dubbio alcuno. E mai vi sarà. Che i vigili urbani di Avellino siano stati, in passato, forti con i deboli e deboli con i forti è un fatto ugualmente noto. Noto anche ai cani randagi. Vediamo perché.

Tra un vetro fracassato ed una fuga ben riuscita, la diatriba dialettica tra aggrediti e dormienti in divisa appassiona. Divide. Sconvolge. C’è chi esulta, magnificando le gesta di un manipolo di balordi (che non rappresentano l'intera tifoseria) accanitisi su un’auto piantonata nel traffico; e chi, in diretta radiofonica, si rammarica dell’ennesima figuraccia mediatica della piccola Avellino. Ma c’è un "Fil Rouge" che lega il campione del mondo 2006 e gli agenti annonari irpini. Un preoccupante cordone massificante, che tutto unisce e nulla schiaccia: è la logica del tornaconto, dell’utilitarismo provinciale, della cura maniacale del proprio orticello.

Il bomber di Pavullo, icona pop della Sud veronese, nelle due stagioni vissute da calciatore e in quella da vicepresidente, non si è mai dissociato dai consueti cori razzisti dei supporters "Butei". Mai una presa di posizione ufficiale. Mai un ammonimento ufficioso. Mai un cazzo. Sono proprio le provocazioni dei suoi ultras; le immonde invettive sui social (guarda la foto a fine articolo); i beceri riferimenti a tragedie naturali che hanno cagionato morte e miseria; la totale assenza di sentimenti riguardo il dolore e la memoria delle vittime del sisma ad aver esacerbato gli animi della piazza biancoverde. O, più precisamente, di uno sparuto gruppo di cani sciolti.

A beneficio della chiarezza, qualora ci fossero dubbi, ribadiamo che nessuno, per qualsiasi motivo al mondo, ha il diritto di distruggere un’autovettura. Nessuna forma d’istigazione, diretta o indiretta può giustificare un’aggressione. Ma i veronesi, checchè se ne dica, sono gli ultimi a poter cicalare di civiltà e spirito sportivo: è come se un militante dell’Isis discettasse di pace e perdono Cattolico. Un "nonsense" da guinnes. Un paradosso sesquipedale.

Critiche a parte saremo sempre grati a Luca Toni: ha portato gli italiani sul tetto del mondo e dispensato lustro ad una nazione intera. Non possiamo operare commistioni tra un pubblico ufficiale omertoso ed un dirigente calcistico alle prime armi: ma il nostro bomber ha sempre voltato la faccia dall’altra parte. Proprio come i vigili. Proprio come chi, in ossequio all’agnosticismo obnubilante, preferisce il comfort della convenienza, alla scure della verità…

 

di Maurizio de Ruggiero

 

 

                                                                         Commenti Butei sui social.

 

 

Leggi anche: «Hanno distrutto la nostra passione»: al Partenio l'ennesimo sopruso. Lo sfogo di Francesco Marzullo

Leggi anche: Avellino, la stampa complice del disastro. Ecco perchè

Leggi anche: Paolo Di Canio vittima del perbenismo Italico: licenziato da Sky per un tatuaggio nostalgico

 

Commenti   

+5 # giuseppe 2017-02-12 08:56
perché non ve ne andate a fanculo con l'Austria dove eravate e lo sarete eterni sudditi !!!

viva il Regno delle due Sicilie !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Biga 2017-02-12 14:40
Citazione giuseppe:
perché non ve ne andate a fanculo con l'Austria dove eravate e lo sarete eterni sudditi !!!

viva il Regno delle due Sicilie !


Teron de merda
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # davide 2017-02-13 13:53
Infatti, sai come si stava meglio con l'Austria senza mantere certa gente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Ciambotto 2017-02-12 13:24
"Nessuna forma d’istigazione, diretta o indiretta può giustificare un’aggressione; ma..."

Un po' come "Non sono razzista ma", stessa inutile retorica

Yawn
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Maurizio de Ruggiero 2017-02-15 01:11
Citazione Ciambotto:
"Nessuna forma d’istigazione, diretta o indiretta può giustificare un’aggressione; ma..."

Un po' come "Non sono razzista ma", stessa inutile retorica

Yawn

Se hai letto gli articoli di uncalcionelsedere, avrai avuto modo di capire che è un sito diverso dagli altri. Totalmente diverso. Qui non c'è spazio per nessuna forma di retorica o conformismo: è una precisa scelta editoriale. Onde evitare fraintendimenti ho sottolineato con forza che nessuna provocazione può giustificare il lancio di una pietra o un calcio in un vetro. Luca Toni non può ergersi a paladino della giustizia e dare lezioni di civiltà se, per ragioni di bottega non ha mai preso le distanze dai cori beceri dei suoi tifosi. Era chiarissimo già prima. Ora non puoi sbagliare...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-6 # Biga 2017-02-12 14:36
Sei un povero COGLIONE mentecatto
Vieni a fare un giro a Verona che ti spieghiamo di persona un paio di cose.
Idiota
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # Argonauta 2017-02-12 17:27
Maurì, si gruosso. Gran lezione ai veronesi, ai vigili e ai violenti. Hai colpito tutti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+3 # Giulietta zoccola 2017-02-12 17:48
I loro "tifosi" da anni chiamano gli avellinesi Terremotati, ma a chi vogliono dare lezioni questi farabutti? Toni sai solo difendere il tuo stipendio da dirigente. Giulietta era na zoccolona
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Terremotato 2017-02-13 10:14
Vi deve crollare l'Arena la sera della prima!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

 

Ricerca personalizzata

Secondo codice: